Briosche

Briosche

domenica 13 aprile 2014

Casatiello iniziano le prove tecniche...


Eccoci..qui con il mitico Casatiello o Tortano napoletano ,tipico appunto,della tradizione partenopea.
Rustico ricco...ricchissimo,ma buonissimo che solitamente viene fatto a Pasqua, così come la tradizione vuole, ma volendo ,si può fare sempre, visto che gli ingredienti sono reperibili in qualunque periodo dell'anno.
E' una cosa che a parole non se ne può descrivere ,la bontà.!!!
Compagno di avventure di molti napoletani "i più veraci"..che fanno la loro scampagnata il giorno di pasquetta!! E vi assicuro...che potrebbero dimenticare qualunque cosa a casa..ma una fetta di casatiello ,No!!!Mai!!! Sarebbe un affronto. 


Ingredienti e dosi per 8 persone
farina, 1 kg.
lievito di birra 2 cubetti,
sugna/strutto gr. 100
poco sale fino
molto pepe nero

Per il ripieno

400 gr. di formaggi misti (provolone dolce e piccante, caciocavallo, fontina, pecorino ecc.)
300 gr. di salame napoletano (a grana grossa)
250 gr. di mortadella con pepe e pistacchio in un’unica spessa fetta poi tagliata a cubetti di circa ½ cm. di spigolo, formaggio pecorino grattugiato, gr 100
2 etti di ciccioli casarecci,
4 uova sode (più 3 sode per guarnire)
sale fino
pepe nero

Stemperate il lievito in acqua tiepida (che non sia troppo calda), impastatelo con un pochino di farina, fatene un panetto e lasciatelo crescere per una mezz’ora, coperto.
Disponete la farina a fontana, ponetevi al centro lo strutto, il sale, il pepe, il panetto cresciuto, il formaggio pecorino grattugiato e, aiutandovi con acqua tiepida, mescolate tutto fino a ottenere una pasta morbida che lavorerete con forza per circa una diecina di minuti battendola sul tavolo.
Fatela poi crescere in una terrina coperta, in luogo tiepido, per un paio d’ore o fin quando la pasta non avrà raddoppiato di volume.
Tagliate tutti i formaggi ed i salumi a dadini e le uova in sei spicchi ognuno. Mescolate tutto meno le uova.
Quando la pasta sarà cresciuta, sgonfiatela battendola con le mani e stendetela allo spessore di un centimetro. Disponete su tutta la superficie, uniformemente, dapprima il pecorino grattugiato e poi tutto il ripieno, e disponete anche le 4 o piú uova sode tagliate a spicchi a distanza regolare ed arrotolate con delicatezza la pasta, il piú strettamente possibile fino ad ottenere un tronfio rotolo di pasta farcita.
Ungete di strutto uno stampo largo provvisto di un tronco di cono centrale, per modo che disponendovi intorno il rotolo suddetto se ne ottenga una ciambella con buco centrale ; disposto, come ho detto, il rotolo di, unitene bene le estremità edisposto, come ho detto, il rotolo di pasta, unitene bene le estremità e adagiate ora, le tre uova sopra ponendo su ognuno di essi delle striscioline di pasta, formando una (x) rimettetelo a crescere in luogo tiepido coprendolo con un panno.
Quando il tortano sarà lievitato ( almeno due ore) infornatelo a forno moderato (170°) per 1 ora e 20 min. circa; ottimo sia caldo che freddo.





4 commenti:

Erika90 ha detto...

una mia ex collega napoletana mi ha molto parlato di questi due rustici napoletani...devo provare a farli, magari omettendo le uova!! posso vero?

Annalisa ha detto...

Certo puoi..che puoi puoi senza uova anche anche sé sarebbe un po un oltraggio !!Comunque il portano e il casatiello ..sono la stessa cosa .Solo c'èchi preferisce chiamarlo in un modo e chi in un altro .
Buon casatiello cosa a te

chiara ha detto...

Io voglio la storia nn la ricetta perchè di queste ne ho 8

Annalisa ha detto...

Ciao Chiara,io la storia te la racconto ..ma tu unisciti al mio gruppo!!!

Cerca nel blog

Post più popolari